Vandana Shiva. Ciò che fa bene al suolo, ci fa bene

Lascia un commento
Agricoltura, Cibo e Alimentazione, Sostenibilità

Vandana Shiva, sottolinea l’importanza dell’agricoltura biologica per la tutela della biodiversità e la necessità di tornare a un sistema agricolo e di produzione alimentare rispettoso del lavoro dei coltivatori e delle risorse della terra. Shiva combatte la crisi economica e sociale, che caratterizza la nostra epoca, sostenendo il ritorno a un modello di economia circolare.

Parliamo del manifesto Terra viva, nato come patto sociale, economico e agricolo. Da cosa è partita, nel 2015, l’esigenza di scrivere un saggio su pratiche tradizionali, di riportarle d’attualità?
Il manifesto nascque dalla necessità di affrontare le principali emergenze della nostra epoca. La crisi ecologica causata dal cambiamento climatico, dalla perdita di biodiversità e dalla desertificazione e la crisi economica dovuta alle disuguaglianze sociali che rischiano di generare conflitti. La soluzione a questi problemi è tornare a un sistema circolare che restituisca le risorse sottratte alla Terra e alla società. Se non impariamo a fare questo e lasciamo tutto il potere nelle mani di chi sfrutta le risorse, la vita su questo pianeta non sarà possibile.

Agricoltura biologica. Pensa sia l’unico modo per mettere in pratica il concetto di economia circolare?
Non solo, penso che sia il modo migliore per eliminare la disoccupazione ed evitare che intere famiglie vengano obbligate a trasferirsi. Ho vissuto queste situazioni in prima persona, quando ci hanno detto che il modello lineare di agricoltura e di sfruttamento delle risorse era quello giusto, poi abbiamo visto sprecare il 50 per cento del cibo. Con il modello circolare non esiste spreco. Nel manifesto scriviamo chiaramente che l’agricoltura biologica non è una nicchia per ricchi, ma è l’unica soluzione che i poveri hanno a disposizione per sostenersi e per avere accesso a cibo di qualità.

Qual è il suo seme preferito?
La bellezza della biodiversità è che non devi avere un seme preferito. Se hai cinque figli, non puoi dire: “Questo è il mio preferito”. Non puoi permetterti di trascurare gli altri. Ogni seme è stupendo, fertile. Ogni seme ha una caratteristica tutta sua.

Lei è vegetariana?
Sì, lo sono sempre stata. Per un certo periodo, quando ero dottoranda in Canada ho mangiato un po’ di carne anche perché in Occidente, negli anni Settanta, era inconcepibile essere vegetariani, ma non mi è mai piaciuta. Quando sono rientrata in India sono tornata a essere vegetariana. Lo preferisco dal punto di vista del gusto, mi sento meglio e rispecchia la mia storia e la mia coscienza. Io penso che dobbiamo mangiare in modo più vario. Se mangi carne, mangi una mucca, una gallina, una pecora o qualche pesce. Ma quanto mangi vegetariano puoi scegliere tra centinaia, migliaia di tipi di frutta e di verdura.

Pensa che questa sia la dieta migliore per il suolo?
Una dieta varia è la migliore per il suolo e per noi. Noi siamo il suolo. E ciò che fa bene al suolo, ci fa bene. E viceversa…

Qual è il suo piatto preferito?
A differenza dei semi, posso dire qual è il mio piatto preferito! È un piatto unico che si chiama kitchari. È fatto di riso, lenticchie e altre verdure. Il motivo per cui lo amo è che è equilibrato, è facile da cucinare ed è il piatto che usiamo per le cerimonie, come rimedio dalle malattie e per le celebrazioni. Cosa c’è di meglio?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...