Un asfalto…a prova di orecchie!

Lascia un commento
Sostenibilità, Urbanistica

Non tutti sanno che già da qualche anno in molti comuni italiani è ormai una normalità l’impiego di asfalto fonoassorbente. Dopo l’approvazione della Legge Quadro 447/95, che legifera appunto in materia della tutela dell’ambiente esterno e abitativo, si sono previsti una serie di interventi a salvaguardia della salute e del comfort degli abitanti.

Le strade, o meglio l’uso delle strade è uno dei peggiori aggravanti alla produzione di inquinamento acustico; pensiamo ai camion della nettezza urbana, alle ambulanze o semplicemente all’attrito dei copertoni delle auto sul fondo stradale. Sotto questo clima, dopo lunghi esperimenti sul comportamento drenante e di assorbimento delle onde sonore dei materiali per l’edilizia stradale, nasce l’asfalto fonoassorbente.

Per arrivare a tale traguardo di sostenibilità dell’ambiente naturale, lo zampino dei fisici ambientali è stato essenziale: il nuovo asfalto vanta formidabili caratteristiche drenanti perché nella sua amalgama, completamente differente dalla struttura dell’asfalto tradizionale, si creano dei vuoti (mai inferiori al 20%). Ma gli “inventori” non si sono limitati a questo, l’aggiunta in percentuale del legante bituminoso e la grande porosità del materiale, sono un grosso passo avanti per la riduzione del fenomeno dell’acquaplanning e del ristagno delle acque piovane, soprattutto nei tratti stradali ad alta percorrenza. Se è vera la relazione velocità = rumore è anche vero che questa è fortemente acuita dalla presenza di acqua, quale migliore soluzione di un asfalto drenante per l’abbattimento del rumore in ambito urbano e non solo? Pensando che le prossime generazioni nasceranno in un clima acustico (in alcune zone residenziali maggiore di 100Db) che ridurrà loro del 70% le capacità uditive e che tutti i giorni vengono riscontrati numeri elevatissimi di morti sulla strada, questa importante innovazione ha un carattere del tutto miracoloso.

© Black Napkin/Flickr
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...