L’inquinamento sotto al letto

Lascia un commento
Ambiente e clima

Tutti sappiamo quali rischi corriamo vivendo a stretto contatto con l’inquinamento atmosferico, ma forse in meno sappiano quali siano i rischi dell’inquinamento domestico. Scopriamone qualcuno.

Gli studi pubblicati dalle più prestigiose università del mondo, non lasciano la nostra casa fuori dalla lista dei luoghi contaminati dagli agenti inquinanti, il fattore scatenante? Dalla scarsa qualità dei materiali edili a quelli per la produzione di mobili, per finire poi ai rischi indotti da elettrodomestici, detersivi e persino deodoranti.

Come possiamo escludere la nostra casa dalla lista nera degli ambienti pericolosi? Non potremo mai farlo, almeno non al 100 %. Viviamo nel 2017 e sarebbe anacronistico e impensabile non usare il frigorifero o i prodotti per l’igiene della casa, ma possiamo ridurre il quantitativo di detersivi, quindi la loro dispersione nell’ambiente, e usare qualche minima accortezza nell’utilizzo dei grandi elettrodomestici, pesando che saranno i nostri bambini e gli anziani a beneficiarne prima dell’ambiente.

Un rapporto dell’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha dimostrato che l’inquinamento atmosferico e il manifestarsi di malattie, soprattutto respiratorie, sono acuiti dal malfunzionamento o manutenzione di condizionatori, frigoriferi danneggiati che rilasciano sostanze cancerogene e dalla non areazione di locali che a lungo andare presentano un forte ristagno di radon.

Purtroppo vediamo le nostre periferie gonfiarsi sempre più di rifiuti pericolosi abbandonati sulle strade, spesso la pigrizia ci fa dimenticare di lavare accuratamente i filtri dei condizionatori e potremmo dire che nelle nostre case l’inquinamento del gas radon si nasconde dietro ogni angolo, ma basta veramente poco per cautelarci e cautelare l’ambiente in cui vivremo in futuro: scegliamo materiali naturali (privi cioè di collanti sintetici a base di formaldeide) per i mobili, manuteniamo periodicamente i nostri elettrodomestici e una volta guasti smaltiamoli correttamente, mentre per occuparci della casa aspettiamo che gli architetti degli interni eco-friendly arrivivo dagli USA anche in Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...