Idee per te. 5 soluzioni salvaspazio

Lascia un commento
Architettura

Una necessità, una sfida, un guizzo di creatività: trovare l’arredo giusto per rendere confortevoli le case ultrapiccole sta diventato sempre più un’esigenza.
Quando i metri quadrati sono pochi accorrono in nostro aiuto molte soluzioni con le quali, senza sacrificare nessuna esigenza, è possibile personalizzare un appartamento di piccole dimensioni. Con architetti e designer, ma anche semplicemente dando spazio alla creatività, è possibile scegliere la giusta combinazione tra gusto, originalità e la necessità di sfruttare al meglio tutto lo spazio disponibile.
Con il passare degli anni e con la tendenza ad abitare in appartamenti sempre più piccoli, le aziende del settore si sono specializzate nella consulenza e nella produzione di mobili ed elementi d’arredo per questo tipo di ambienti.
Oggi possiamo finalmente smentire il mito secondo cui le case piccole lasciano poco spazio alla fantasia dell’arredare.
Nelle case ultrapiccole, ovvero le residenze che non superano i 40 metri quadrati di superficie calpestabile, gli interventi più significativi per guadagnare spazio sono quelli architettonici. Pensiamo a giocare con le altezze realizzando un soppalco, magari per allestire una camera da letto, oppure a sbizzarrirci con delle audaci trasparenze che, nel caso del nostro appartamento, possono creare interessanti divisioni dello spazio o celare i locali di servizio, come per esempio il ripostiglio o la dispensa. Poi, se è il colore la soluzione che vogliamo sperimentare, allora è ancora più economico e divertente inserire specchi, elementi colorati, pareti vetrate o finiture “total white” che, intervenendo sull’aspetto estetico dell’appartamento, possono offrire interessanti effetti di ampliamento e alleggerimento dei locali.

Ecco, allora, alcune delle soluzioni più moderne per arredare la nostra casa ultrapiccola.

Specchio, specchio delle mie brame…
L’illusione offerta dai giochi ottici e luminosi degli specchi è il trucco più usato nel mondo dell’arredamento. Già nella Domus Aurea dell’imperatore Nerone e nella regia di Versailles voluta da Luigi XIV, lo specchio ha sempre affascinato e risolto non pochi problemi. Una superficie riflettente posta tra due stanze e vicino a una finestra è capace di ingannare l’occhio raddoppiando la percezione dello spazio e favorendo la propagazione della luce solare, meglio se proveniente dall’alto e “portata” nelle stanze cieche con l’ausilio di finestrature interne.

Il soppalco e il sottotetto, lavorando in altezza
Quando a quei metri quadrati proprio non vogliamo rinunciare e il nostro appartamento è sufficientemente alto è possibile sfruttare l’altezza dell’interpiano. La doppia altezza dovuta a una soppalcatura o la ristrutturazione di un sottotetto sono i luoghi ideali dove inserire la camera da letto o uno studio, creando al contempo degli angoli suggestivi e intimi senza occupare troppo spazio.

Dagli arredi trasformabili agli armadi a scomparsa, i “vedo non vedo” di una micro casa
Dalle molteplici soluzioni che negli anni sono state sviluppate per i sottoscala, i designer sono arrivati a sperimentare arredi trasformabili che comprendono, oltre al classico divano letto, porte scorrevoli, tavoli da pranzo interamente richiudibili, ma anche poltrone, pouf e letti contenitore, cucine a scomparsa, e perfino librerie che improvvisamente diventano scale-contenitori con le quali accedere a un soppalco.

Via libera alla creatività con ripiani e colore
Lo spazio per i libri non basta mai? Inserite lungo la testata del letto una comoda libreria o delle mensole proprio lì in quella nicchia o vano inutilizzato che improvvisamente potranno trasformarsi in ripostigli, dispense e guardaroba dove appoggiare scatole e cassette della frutta riciclate. Tutte soluzioni con le quali lasciare campo libero alla nostra creatività. Ricordiamoci poi che scegliendo il colore bianco non si esagera mai, ma volendo dare alla nostra casa un tocco di originalità si potrebbero studiare linee cromatiche adatte a esaltare la profondità delle pareti e la particolarità di una stanza piena di oggetti colorati.

La forma giusta per esaltare lo spazio
Pareti stondate, strutture a vista, verticali estreme e un grande amore per il moderno: ecco la ricetta per la casa ultrapiccola contemporanea. Le pareti arrotondate sono una soluzione per le abitazioni grandi e un perfetto espediente per quelle più piccole, nelle quali vengono ammorbidite le forme e allargati gli spazi. Le strutture a vista, dal gusto indiscutibilmente “industrial”, permettono la creazione di armadi, librerie e piani d’appoggio lì dove mancano e – se lasciate all’usura del tempo – possono diventare anche un elemento vintage che non passerà inosservato. Con le verticali estreme si sfrutta tutto lo spazio disponibile grazie all’inserimento di strutture a tutta altezza che aumenteranno incredibilmente la superficie a disposizione.

Con un tocco di creatività è possibile divertirsi anche nel mondo degli appartamenti ultrapiccoli e dei monolocali. È sufficiente solleticare la fantasia e l’ingegno per rendere unico e personalizzato la nostra microcasa.

©Paolo Margari/Flickr
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...