Una marmellata contro la fame nel mondo

Lascia un commento
Cibo e Alimentazione

Fino a pochi giorni fa, Tsega Gebrekidan Aregawi, insieme ad altre cinque socie, gestisce una cooperativa dedita alla produzione di succhi di frutta, biscotti e marmellate che vendeva agli studenti in un piccolo chiosco davanti l’Università di Mekelle, in Etiopia.

Con un accordo siglato tra la Fao e Eataly la vita di queste donne può dirsi cambiata da un giorno all’altro. Nel rispetto delle normative alimentari etiopi ed europee, Tsega e le sue colleghe hanno confezionato 4mila vasetti per un totale di 1500 chili di marmellata di fichi d’india che verranno venduti nei negozi Eataly di Roma. Un’opportunità per una manciata di donne in uno nei paesi più poveri del mondo di aprire la loro attività al mercato alimentare internazionale.

Dal 2013 la Fao e Eataly hanno pensato a un progetto che agevolasse l’accesso al mercato dei contadini africani con le loro eccellenze e i loro prodotti di qualità e che sottolineasse l’importanza dell’agricoltura famigliare per la lotta contro l’insicurezza alimentare.

In tutto il mondo, l’impegno delle donne in agricoltura è il contributo più forte in difesa del diritto al cibo e nella costruzione di modelli agricoli e alimentari sostenibili.

Invito chiunque di voi si trovasse a Roma ad acquistare anche uno solo di questi vasetti di marmellata, venduti al prezzo di 3,50 euro. Solo mostrandoci uniti a sostegno degli agricoltori e soprattutto delle agricoltrici nei paesi poveri del mondo sarà più facile combattere per liberare i popoli dalla fame e dalla malnutrizione.

© Eataly/Facebook
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...