L’Azerbaijan dagli occhi di Daniele Zambelli

2 commenti
Architettura

Qualche giorno fa ho avuto il grande piacere di intervistare Daniele Zambelli, fondatore di Simmetrico network e direttore artistico del Padiglione Azerbaijan per Expo Milano 2015. Durante la conferenza sono rimasta molto colpita dall’entusiasmo con cui Zambelli ha raccontato l’evoluzione, dal concept alla realizzazione, di questo padiglione progettato e realizzato dallo studio Arassociati. Un edificio carico di significati. 

 L’Azerbaijan viene presentato attraverso un percorso didattico che narra la storia, la cultura e la tradizione del paese caucasico e attraverso tre grandi biosfere in acciaio e vetro strutturale incastonate tra i solai dei tre piani dell’edifico. Le biosfere rappresentano l’identità geografica, la natura climatica e la cultura dell’Azerbaijan.

La sostenibilità ambientale ha un ruolo fondamentale, i materiali e la struttura, infatti, sono stati scelti e progettati per essere trasportati facilmente in a Baku (Azerbaijan) dove, all’interno di un parco, il padiglione diventerà un centro studi per la diffusione della biodiversità. 

Daniele Zambelli, lei è stato in Azerbaijan molte volte, cosa porta sempre con se di questo paese, cosa ha portato del popolo azerbaigiano e delle sue tradizioni in Expo Milano 2015? Dove è il cuore dell’azerbaijan nel padiglione? 

In Azerbaijan ho visto tanti volti diversi, diversi dalla nostra idea di estetica, un miscuglio di persone brune, bionde, nei caratteri somatici ci sono delle derivazioni iraniche, turcomanne, slave. Io mi porto a casa quei volti, alcuni molto segnati. Sembrano i volti di un’Italia anni cinquanta che si confrontano con una nuova generazione assolutamente contemporanea. In Italia porto il ricordo dei contadini con il collo segnato a tal punto che sembrava una mappatura, una morfologia e poi il contrasto con i ragazzi nelle scuole che studiano con le lavagne interattive e l’iPad.

Questo mi porto a casa, questo bellissimo contrasto, che mi ha talmente colpito da essere diventato una delle istallazione del Padiglione Azerbaijan, forse quella che amo di più, quella dei volti del paese.

Advertisements

2 thoughts on “L’Azerbaijan dagli occhi di Daniele Zambelli”

    • Hai ragione! Ogni volta che intervisto uno dei progettisti mi entusiasmo e non vedo l’ora di vedere il padiglione!
      A presto, con altri progetti bellissimi.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...