In fondo al mare… il supermercato del futuro

Lascia un commento
Cibo e Alimentazione

Da millenni in Giappone i piatti tradizionali vengono preparati a base di alghe. Non possiamo proprio dire la stessa cosa per i piatti tipici italiani, eppure presto dovremmo ricrederci. L’Europa è una grande produttrice di alghe che, diversificate in moltissime specie, hanno usi tra i più disparati.

L’alga kelp è la migliore per i biocarburanti, come dimostrano gli studi svedesi del settore. La hulse è la più ricca di ferro, di quella hiziki sono sufficienti 100 grammi per ingerire 1.400 milligrammi di calcio vegetale. Poi ci sono quelle perfette per la dieta vegana come la nori, ricchissima di omega3 e omega6 e quella klamath che contiene proteine.

Insomma, le alghe sono una vera risorsa per un pianeta sovrappopolato e inginocchiato dall’incertezza alimentare e dall’inaridimento dei suoli.

La ricerca ha inserito l’alga tra gli alimenti funzionali, ovvero quelli che possono essere considerati una medicina, soprattutto in una società in cui sono sempre più diffuse le malattie metaboliche e legate alla malnutrizione sotto il profilo quantitativo e qualitativo.

La consapevolezza sul carico nutrizionale e delle proprietà di questo vegetale marino è ormai diffusissima, un po’ meno l’abitudine a consumarla. Ma diamo tempo al tempo.

© maxnpistino72/Flickr
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...