Una scultura contro la deforestazione

Lascia un commento
Società e Territorio

Tutte le volte che si consuma un pasto in un ristorante orientale il cliente viene fornito delle due bacchette con cui gli asiatici sono soliti mangiare. Molti di noi scelgono per comodità la forchetta, ma questo in Asia ovviamente non succede. Qualche anno fa, nel 2010, a Shangai è stata installata la scultura di un albero per ricordare ai cinesi tutti i danni ambientali dovuti alla produzione delle bacchette usa e getta.

Solo in Cina, ogni giorno 100 ettari di alberi vengono abbattuti per rifornire di bacchette usa e getta 1,3 miliardi di persone. Una superficie pari a 100 campi da calcio di foresta di bambù, betulle o pioppi viene distrutta ogni giorno.

La China Environmental Protection Foundation fece raccogliere 30.000 bacchette di legno usate per far nascere lungo una strada di Shanghai il simbolo della tutela ambientale. La scultura di un albero abbattuto. Ai piedi di questo imponente arbusto, ogni passante poteva leggere le statistiche sui consumi annui di bacchette e le previsioni per i prossimi 20 sui disboscamenti che il governo cinese avrebbe autorizzato proprio per produrre questi sottili bastoncini.

In media i cinese consumano 130 milioni di paia bacchette al giorno, 45 miliardi di paia di ogni anno, prodotte abbattendo 25 milioni di alberi. Senza contare i 18 milioni di paia di bastoncini che ogni anno vengono prodotti per il mercato internazionale.

La scultura dell’albero abbattuto aveva lo scopo di sensibilizzare la popolazione a scegliere bacchette riutilizzabili, nel tentativo di affrancare la Cina dal problema della deforestazione e di conseguenza dai disastri ambientali, dall’inquinamento e dall’estinzione delle specie. Quest’iniziativa come gli interventi governativi sull’aumento delle tasse di esportazione e le campagne ambientaliste per la salvaguardia delle foreste non sono stati sufficienti a bloccare un mercato troppo costoso per l’ambiente. Oggi la situazione è praticamente invariata. Per saperne clicca qui.

 

©maxnpistino72/Flickr
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...